Tel: +39 051 960984/5 | Email: info@afood.it | Skype: Appennino Food

Tartufo Bianchetto(Tuber albidum Pico)





Descrizione

Considerato come il “fratello minore” del tartufo bianco non è particolarmente conosciuto, tuttavia chi lo assapora ne apprezza il gusto intenso e un po’ “sfacciato”, spiccatamente agliaceo. I diversi nomi comuni italiani (bianchetto, marzuolo, tartufo di pineta, Albudum Pico) sono dovuti al colore, all’epoca di maturazione e all’ habitat di sviluppo. Per saperne di più Piuttosto comune in Europa; in Italia è presente in tutto il territorio, in aree con caratteristiche ambientali molto diverse. La disponibilità dei tartufi è legata alla stagionalità: l’epoca di maturazione va da Gennaio ad Aprile. Il carpoforo è di piccole-medie dimensioni che variano da quelle di un pisello a quelle di un’albicocca. Il peridio è liscio di colore molto variabile: giallo ocra, bruno-ruggine o aranciato, spesso maculato. Il colore della gleba evolve dal biancastro degli esemplari immaturi a rosso bruno scuro di quelli giunti a maturità, con grossolane vene bianco ocracee sfumate.


Vuoi saperne di più?


  • Ingredienti

    Tartufo Bianchetto(Tuber albidum Pico)

  • Peso netto

    -

  • Consigli d'uso

    In Romagna e nelle Marche, dove persiste una tradizione molto antica, viene molto utilizzato a crudo e compare nei menù dei migliori ristoranti.Il suo utilizzo ottimale, tuttavia, è sotto forma di crema, nel burro e nell’impasto di tortellini o ravioli.



Potrebbero Interessarti...

#appenninofood